Che cos’è la tossina botulinica?

Quante donne, almeno una volta, guardandosi allo specchio, hanno pensato di  far sparire  quelle odiose rughe orizzontali che solcano la fronte, sollevare la coda del sopracciglio  e aprire lo sguardo, eliminare le rughe attorno agli occhi ( zampe di gallina). Il tutto con un gesto semplicissimo e cioè  tirando con le dita la fronte verso l’alto: e voilà il gioco è fatto! Semplice a dirsi, difficile a farsi. Si perché subito dopo aver fatto questo il pensiero va al botox e cominciano i dubbi. Sarà pericoloso! Mi paralizza i muscoli e poi che succede? E se non torno come prima? Ho sentito alla Tv di effetti collaterali devastanti! E su internet poi!! A quella è rimasta la palpebra abbassata mentre a quell’altra un sopracciglio più basso e uno più alto!!

Purtroppo l’approccio mediatico non porta consiglio quanto invece una chiacchierata con un medico specialista che può chiarirvi ogni dubbio. Si perché la tossina botulinica è un “farmaco” che inibisce temporaneamente l’azione dei muscoli mimici del volto riducendo la formazione delle rughe di espressione.

Venne introdotta in medicina per prevenire gli spasmi neuromuscolari delle palpebre e per correggere lo strabismo e solo dal 1987 cominciò ad essere utilizzata negli Stati Uniti anche nell’ambito della chirurgia plastica estetica. L’uso estetico della tossina in Italia è diventato legale nel 2004. E’ un dispositivo medico che il Ministero della Salute e l’Aifa ( agenzia italiana del farmaco) ne hanno autorizzato l’uso solo da parte di medici chirurghi specialisti. In particolare, in ambito estetico, Chirurghi Plastici e Dermatologi sono i più indicati.

Dal 2004 ad oggi sono state  utilizzate milioni di fiale con applicazioni diverse e non si sono  registrati effetti collaterali seri. Questo a dimostrazione che il prodotto è sicuro ed innocuo se eseguito da personale esperto con scrupolosità della metodica!

L’uso della tossina è consigliato per il trattamento delle rughe d’espressione (dinamiche) del terzo superiore del viso  ( regione frontale e orbitaria) in tutte le/i pazienti di età superiore a 18 anni. Ma trova ampio consenso anche nella cura dell’ “iperidrosi“, ovvero l’eccessiva sudorazione ascellare, alle mani o ai piedi.

Il trattamento viene eseguito ambulatorialmente iniettando con un ago sottilissimo la tossina all’interno dei muscoli mimici interessati; è veloce (circa 15 minuti), praticamente indolore,non lascia segni visibili con ripresa delle normali attività lavorative. Gli effetti indesiderati sono minimi, locali e transitori: lievi ecchimosi e mal di testa transitorio. Più raramente si può verificare un indebolimento dei muscoli vicini a quelli trattati, edema palpebrale, pesantezza palpebrale. La ptosi della palpebra e l’eccessivo innalzamento del sopracciglio sono da attribuire ad un errore di tecnica!

L’effetto di rilassamento dei muscoli mimici e di attenuazione delle rughe inizia dopo circa 4 giorni dal trattamento. Sebbene molte pazienti siano ancora diffidenti sul risultato per paura di “cambiare espressione”, il risultato estetico è talmente soddisfacente che la tossina botulinica ha praticamente sostituito l’intervento chirurgico di lifting della fronte  ed il risultato è reversibile in quanto l’azione della tossina dura da 4 a 6 mesi.

Avete ancora dubbi? Prenotate una visita con uno specialista serio, parlate con lui dei vantaggi e degli svantaggi, chiedete informazioni sul prodotto. È opportuno eseguire sempre un’accurata storia clinica della paziente, trovare le possibili controindicazioni al trattamento, spiegare scrupolosamente i possibili effetti collaterali fidelizzando e rassicurando in questo modo la paziente sulla innocuità e  sicurezza del prodotto.

Diffidate di offerte speciali e prezzi troppo bassi su internet, che vanno quasi sempre a scapito della qualità o peggio ancora dei famigerati BOTOX PARTY.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *